Fiducia a Montella e programmazione sul futuro: il nuovo Milan mette le basi per tornare grande