Caso Donnarumma, la difesa di Raiola non sta in piedi: ecco perché