Corsport, le bocche di fuoco di Montella