ANALISI/ Cutrone, la luce dopo il blackout