Cutrone suona la sveglia a un Milan quiescente