Dalle cose formali alle sconfitte reali: la figuraccia dell'Olimpico per cambiare subito rotta