Sosa, Niang e Lapadula: Mirabelli, il mago delle plusvalenze