Milan e Everton: quando spendere non è sinonimo di vincere