L’identità trovata: il Milan avanti con continuità e due soli dubbi