Marzo pazzo… E poi c’è l’Inter

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Il mese di Marzo, che precede lo scontro diretto contro l’Inter, è un crocevia importante per la stagione rossonera. Juventus, Tottenham, Bari e Palermo aspettano i ragazzi di Allegri con “il coltello tra i denti” per diversi motivi. La Juventus, prossima avversaria di campionato, vuole un risultato prestigioso per riscattare la deludente stagione e inseguire un posto nell’Europa che conta. L’ennesima sconfitta potrebbe essere fatale per Gigi Delneri, sempre più in bilico. L’orgoglio bianconero non dovrà essere sottovalutato, come successe nella partita del Meazza.

Il 9 marzo ci sarà, invece, il Totthenam in Champions League. Senza alcun dubbio il primo obiettivo della stagione è la conquista del tricolore, ma andare a “White Hart Line” senza credere di poter vincere non sarebbe ‘da Milan’. Grazie al recupero al 100% di Pato e Boateng, pur con gli uomini contati a centrocampo, niente deve considerarsi impossibile.

Il Bari in casa sarà l’unico impegno ‘soft’ del mese. I galletti, sempre più in fondo alla classifica, non dovrebbero creare troppi problemi all’armata milanista ma, si sa, dopo la Coppa non si è mai lucidi quanto si vorrebbe. L’ultimo impegno del mese metterà il Milan di fronte al Palermo: dopo lo 0-7 rimediato contro l’Udinese, i rosanero sono nell’occhio del ciclone, ma la cura Cosmi e l’energia del vulcanico presidente Zamparini porteranno sicuramente nuova linfa vitale a una squadra comunque dotata di enorme qualità nel reparto offensivo.

Dopo questo tour de force, scatterà ‘l’ora X’: il Derby metterà in cassaforte o in discussione lo Scudetto 2010-11. Per allora, la speranza è quella di avere il sogno Champions League ben custodito nel cassetto.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook