Thiago, poca samba e tanta concentrazione

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Arrivato nel gennaio del 2009 in quel di Milanello Thiago Silva, dopo essersi allenato  con la squadra per 6 mesi senza calcare il terreno di gioco per via del suo status da extra comunitario, si è preso il suo posto in difesa al fianco di Nesta e da allora il Milan ha trovato il degno erede di Paolo Maldini.

Thiago non è un brasiliano qualsiasi: niente sorriso facile ma concentrazione e muso duro tipico dei giocatori europei, zero discoteche e nemmeno l’ombra di un gossip con veline o simili. Ama rimanere a casa con la moglie Isabele e i figli Isago e Iago, alla tv guarda solo ed esclusivamente partite di calcio, la “saudade” non lo sfiora nemmeno e la samba rimane un tabù. Milano e il Milan sono casa sua, niente sogni madrileni anche se le offerte ci sono state.

Nella conferenza stampa del post Samp ad Allegri viene posta la domanda: “A chi l’Oscar del calcio?” risposta lapidaria: “A Thiago perché è eccezionale, bravo in tutto”. Il Mister toscano deve molte delle sue fortune al numero 33 che è sì uno dei difensori centrali più forti al mondo ma che, all’occorrenza, si sa trasformare in un centrocampista centrale provetto, duttilità di certo non comune.

Come imposta l’azione delle retrovie così fa qualche metro più avanti nella parte nevralgica del campo, come ferma gli avversari in area di rigore, così fa prima che in area ci arrivino. Preciso negli stacchi di testa, pulito nei tackle, puntuale negli anticipi, pericoloso nel tiro dalla lunga distanza, praticamente una “macchina” perfetta. E ora, tanto per non farsi mancare nulla, prova a fare ” il Leonardo” della situazione cercando di convincere Ganso a scegliere il rossonero .

Se Ibra e Pato si sono alternati nel fare goal decisivi, se Robinho, con alti e bassi, si è sacrificato per la causa, se Boateng “ha spezzato” un bel po’ di partite, se Gattuso, Nesta, Seedorf sono tornati quelli dei tempi migliori, chi c’è sempre stato, il più costante nel rendimento, il più duttile, il vero insostituibile, è stato quel 33 venuto dal Brasile che ha scelto di raddoppiare il sacro numero di Maldini. E allora Thiago, aspettando lo Scudetto, alza al cielo questo Oscar, te lo meriti tutto!

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook