"Meglio in difesa con Max che con Leo"

“Meglio in difesa con Max che con Leo”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

E’ il difensore titolare con il rendimento più alto della Serie A, è considerato l’erede di Paolo Maldini, è brasiliano di Rio de Janeiro e La Gazzetta dello Sport gli ha dedicato una sua prima pagina al termine di una stagione che, indipendentemente da tutto, lo ha già consacrato come campione assoluto: Thiago Silva è davvero il nuovo che avanza, anzi, il nuovo che arretra. E come “arretra” lui, oggi come oggi, lo fanno davvero in pochi: “Quest’anno curiamo molto di più la fase difensiva – rivela, supportato dai numeri della miglior difesa del campionato, con soli 23 gol subiti -. Allegri è molto puntiglioso in questo e inoltre ha inculcato la mentalità di pressare e marcare a partire dagli attaccanti: la nostra difesa inizia lì, l’anno scorso non succedeva“.

Nesta e Thiago, Thiago e Nesta, una coppia probabilmente alla pari di Puyol e Piqué: “Sandro è unico. E poi, ormai, ho imparato a sopportarlo: in campo parla tanto, troppo. Io non sono uno che sta zitto, ma lui va a ciclo continuo. Mi ricordo la prima partita che ho giocato col Milan: era un’amichevole a Varese e mi fece una testa così. Dopo un po’ mi arrabbiai e gli dissi di tacere perché mi stava facendo venire il mal di testa. Ora sono abituato“. E su Maldini: “Vorrei diventare un’icona come lui, mi piacerebbe ripercorrere la sua carriera in rossonero. Vi dirò: mi basterebbe anche vincere la metà di quanto ha vinto Paolo…“.

Proseguendo sui meriti di Allegri: “Riesce ad abbinare la cattiveria agonistica al giocare a pallone. Non vuole mai che la palla sia buttata via e ci ha trasmesso la mentalità di riconquistarla subito in pressing, appena finisce agli avversari“. E se il prossimo allenatore rossonero fosse Seedorf? “Ne sarei contento, anche se non so cosa ne pensa Allegri… (ride, ndr) Clarence in prospettiva può diventare il tecnico migliore del mondo: ha carisma e conoscenze calcistiche. E’ già un allenatore in campo: sapeste quanto parla. Al confronto, Ibrahimovic è un taciturno!“.

Già, Ibra: “Zlatan è un grande, se arriverà lo scudetto sarà grazie a lui. Ci ha trasmesso la mentalità vincente, fin dal primo momento. Scese negli spogliatoi prima di Milan-Lecce a settembre (prima giornata di campionato, ndr) e ci disse: ‘Ragazzi si va a vincere tutto’. Contagioso, no? Però il Milan ha dimostrato di poter fare bene anche senza di lui: un altro merito di Allegri“. Pato è ormai un fenomeno? “Non gli manca più nulla, adesso è completo: può diventare un fuoriclasse come Ronaldo e poi ha imparato a marcare pure lui“.

Capitolo mercato e domanda d’obbligo sul connazionale Paulo Henrique Ganso: “Lui e Neymar sono i brasiliani più forti in circolazione in questo momento. Lo dirò a Galliani… Ganso è più bravo di Kakà nel gestire il pallone: può diventare il nuovo Zidane. L’ho sentito due giorni fa e gli ho ribadito che deve venire da noi, ma lui sa perfettamente qual è la scelta giusta“.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy