Quando fortuna e audacia fanno 92

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Che meraviglia. Non il gioco dei nostri, eh… Non la prova offerta, no di certo. Che meraviglia che, a volte, succede anche a noi. Anche a noi succede di pareggiare all’ultimo respiro con tanta fortuna e tanta audacia. Se ci pensate bene è difficile che ci capiti: le nostre vittorie, le nostre affermazioni, sono sempre sudate, quasi sempre il frutto del 120% dello sforzo necessario. Tant’è che non posso che essere contento che ci siano bastati due-minuti-due per pareggiare i novanta primi deliziosi targati Barcellona e targati, soprattutto, Lionel Messi.

Le affermazioni europee passano sempre da qui, da queste partite di settembre-ottobre un po’ così, un po’ strane, a cui spesso non si dà tanto peso e che, invece, sono in grado di raccontare tantissimo. Ad esempio che questa squadra c’è, che al di là di quanto possa sembrare sta acquisendo una proporzione continentale e che, soprattutto, il signor Massimiliano Allegri sta crescendo moltissimo come allenatore di rango. Senza Ibrahimovic, senza Robinho, con un brutto Cassano e un Seedorf così-così si va a conquistare un 2-2 insperato alla vigilia e, senza dubbio, ben diverso da quello maturato venerdì sera con la Lazio in campionato.

Un 2-2 imperniato sulla scelta (pur obbligata) di Pato e sull‘impeccabile assetto difensivo che ha retto quasi più del dovuto, obbligando per 30′ i maestri catalani a soli tentativi dalla distanza. Poi, beh, il campione è colui che stravolge le tattiche, che regala il guizzo improvviso e Messi, in tutto questo, è il terzo migliore di sempre dopo Pelé e Maradona. Ma l’italian style di Max, nonostante tutto, dopo il 2-2 con il Real Madrid dello scorso anno, ha retto ancora una volta: Abate, Nesta, Zambrotta, Ambrosini, Nocerino hanno guidato la truppa che ha trovato i suoi sbocchi nella brasilianità scattante del “Papero” e in quella rocciosa di Thiago Silva.

Tanti spunti per una serata particolare e particolarmente gradevole, sebbene i due pool in campo fossero su piani totalmente diversi ed imparagonabili. Ma siccome le partite si vincono col risultato e non (solo) col bel gioco, a noi, questa volta, può pure andar bene così.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook