V. Plzen: rapidità e idee, ma dietro si balla

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Il prossimo avversario del Milan in Champions League sarà il Viktoria Plzen. Una squadra, quella ceca, che prima di accedere alla fase a gironi della massima competizione continentale era sconosciuta ai più, addetti ai lavori compresi. Il Viktoria Plzen è arrivato a poter sfidare Milan e Barca dapprima vincendo per la prima volta nella sua storia il campionato ceco, avendo la meglio su rivali quali Sparta e Slavia Praga e poi battendo il più blasonato Rosenborg nel turno preliminare di Champions. Il tecnico Pavel Vrba schiera di solito un 4-3-3 e punta su un calcio prettamente offensivo, fatto di rapidi scambi e continue sovrapposizioni e inserimenti di terzini e centrocampisti. Probabile però che i cechi scenderanno in campo a San Siro con un più prudente 4-5-1.

Punto di forza: Kolar Bakos e Pilar. Sono questi i tre giocatori più interessanti della compagine ceca. Il primo è un centrocampista rapido, fantasioso e dotato di un buon tiro da fuori, che ha militato nello Sparta Praga prima di passare al Plzen. Marek Bakos è il centravanti della squadra, dotato di un grande fisico e autore di sei gol nelle qualificazioni e infine Vaclav Pilar è un centrocampista offensivo che in questo inizio di stagione ha già segnato 3 gol in Europa e 3 in campionato. Da non sottovalutare anche Rajtoral, interessante terzino destro di spinta, che attaccherà nella zona presidiata da Gianluca Zambrotta.

Punto debole: La difesa. Se le qualità offensive del Viktoria Plzen sono interessanti, in difesa si balla. Vrba sta pensando di mettere in campo i suoi a San Siro con un atteggiamento prettamente difensivo, rischiando di snaturare una squadra che probabilmente farebbe miglior figura giocando il match a viso aperto. L’11 campione di Repubblica Ceca va infatti in forte difficoltà quando è l’avversario a fare la partita e i due modesti centrali di difesa, Bystron e Cišovský, sono spesso impreparati e fuori posizione. Dunque, qualora Max Allegri decidesse di non rischiare Ibrahimovic dal primo minuto e di preservarlo per la sfida contro la Juventus, il solo Cassano supportato da Seedorf e Aquilani dovrebbe bastare per fare breccia nella retroguardia rossoblu.

 Uomo chiave: Pilar. E’ lui il più in forma ed è colui che con le sue sgroppate e i suoi inserimenti può creare i maggiori problemi alla retroguardia milanista. Se agirà come esterno sinistro, come pare, si prospetta un compito non semplice per Abate.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook