La settimana degli errori frena il Milan

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

La terna arbitrale. Dopo una settimana di fuoco per il calcio italiano succedono solo disastri nel weekend calcistico di Serie A. E le parole di Nicchi (“questa, fino ad ora, è la nostra milgior annata”), responsabile degli arbitri, risultato ancora più fuori luogo visto lo scempio messo il piedi ieri sera al Franchi. Prima un rigore non concesso su tocco di mano di Beherami, poi un gol regolare annullato, infine un’altro rigore non concesso nel finale su Pato. Una serata nera per la terna arbitrale, nerissima per Mazzoleni. IN RIBASSO

Il ritorno di Pato. Era fuori da due mesi, torna e per pochi centrimenti non mette anche il sigillo al Franchi, uno degli stadi dove è più profilico. Al Milan serve il gol, Robinho non convince e Allegri si gioca la carta Pato: probabilmente meritava più spazio visto poi com’è andata a finire, sicuramente un ritorno importante. Adesso arriva il derby del mondo e, dopo la doccia fredda dell’andata dopo meno di 30”, ci aspettiamo ancora un’altra magia del Papero dalle uova d’oro. Pronto, come sempre, a buttarla dentro. IN RIALZO

Il caso Cassano. Le speculazioni degli ultimi giorni sul prossimo ritorno di Cassano e sulla sua prima comparsa in televisione dopo l’operazione sono del tutto fuori luogo. Si legge di 250 mila € a comparsa per il barese che sta venendo richiesto da mezza Italia alla ricerca dell’audience e dell’intervista dell’anno al fantasista barese. Cassano ha solo bisogno di riposo e di nient’altro, sperando che gli avvoltoi della televisione lo lasciano respirare. Nel frattempo, noi lo aspettiamo in campo per tornare a segnare sotto la Curva Sud. Cassano, noi non ci siamo dimenticati di te. STABILE

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook