SM ESCLUSIVO – Donati (TL) su Tevez: “Ecco quali sono le condizioni poste da Galliani”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Dalla nostra inviata, Veronica Longo

Un summit in via Turati che potrebbe aver detto molto, forse tutto. Adriano Galliani, Kia Joorabchian e Giuseppe Riso, intermediario della FIFA, hanno concluso nel tardo pomeriggio di martedì l’incontro decisivo per il sempre più possibile passaggio di Tevez al Milan, proseguendo così le buone basi gettate durante la cena di lunedì a cui erano presenti gli stessi tre protagonisti. La volontà del giocatore è stata importante, le recenti parole di Mancini chiare ed evidenti, l’astuzia e la decisone del Milan fondamentali.

Adriano Galliani per la prima volta ha rinunciato a una trasferta di Champions League, ma ne è valsa la pena, perché ha convinto Carlos Tevez ”a rinunciare a una montagna di soldi” per accettare l’offerta del Milan. Lo ha raccontato lo stesso amministratore delegato rossonero, spiegando che ”c’è l’accordo col calciatore e poco fa abbiamo mandato una mail con una proposta al City: prestito gratuito con diritto di riscatto a certe condizioni”. 

Per avere anticipazioni su queste condizioni abbiamo interpellato Stefano Donati, inviato di Telelombardia, che a SpazioMilan ha spiegato in esclusiva: “Tevez è quasi rossonero. Tra due o massimo tre giorni si chiuderà; restano da limare gli ultimi dettagli tra Milan e Manchester City. Tevez arriverà in prestito con diritto di riscatto, nel complesso i rossoneri dovranno sborsare circa 17 milioni di euro per il suo cartellino, mentre al giocatore andranno 3,5 milioni fino a giugno e poi circa 6 per i successivi quattro anni. Ormai è una questione di giorni, Tevez sarà presto un nuovo giocatore del Milan”.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook