Yepes, 10 settimane di stop

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Il difensore del Milan Mario Yepes dovrà operarsi alla caviglia destra e restare fermo circa due mesi e mezzo. Secondo quanto comunica il Milan, il colombiano ha riportato una distorsione con interessamento ai legamenti e si sottoporrà a un intervento chirurgico. Yepes deve ancora decidere se farsi operare in Italia o ad Amsterdam, dallo stesso specialista a cui si è rivolto per un consulto dopo l’infortunio di domenica a Bologna. Secondo la stima del Milan, serviranno dieci settimane per il ritorno all’attività calcistica.

 

Da Yepes, “danno pesante alla caviglia destra” del 13 dicembre 2011:

Rischia un lungo stop il difensore del Milan Mario Yepes che si è infortunato nella partita di domenica a Bologna. I primi controlli di oggi hanno rilevato “un danno importante alla caviglia destra“, secondo quanto fa sapere il club rossonero. Domani ulteriori controlli permetteranno di chiarire la diagnosi e definire la terapia di recupero per il difensore colombiano.

Si era capito che non sarebbe stato qualcosa di leggero, ma il danno importante preoccupa e non poco alla luce dell’infortunio anche di Alessandro Nesta. Sembra essere venuta l’ora di Philippe Mexes, quasi certamente titolare accanto a Thiago Silva nelle prossime uscite, a meno che Massimiliano Allegri non scelga di puntare nuovamente su Daniele Bonera, l’usato sicuro.

Mario Yepes, fonte AcMilan.com, ha finora disputato 491 minuti in stagione con un gol, quello decisivo, nel roboante 3-4 di Lecce. Classe 1976, ha sempre sostituito il Nesta o il Thiago Silva di turno risultando, tra l’anno scorso e questo primo scorcio di stagione, la riserva più affidabile tra i difensori centrali. L’augurio è che torni presto, magari già dopo la pausa natalizia.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook