Sei qui: Home » News » Porte aperte al rinnovo del Generale!

Porte aperte al rinnovo del Generale!

Quando approdò al Milan nel gennaio 2011, trovò una squadra in piena emergenza, decimata dai numerosi infortuni. Il centrocampo rossonero, in particolare, era il reparto che più di altri necessitava di nuovi innesti e forze fresche, e il suo arrivo insieme a quello di Cassano, diede una svolta alla stagione. Stiamo parlando naturalmente di MVB, Mark Van Bommel, uomo chiave dello scudetto 2010/2011, che con la sua classe e la sua tecnica guidò il Milan verso lo sprint finale.

Prelevato a costo zero dal Bayern Monaco, il contratto di Van Bommel, così come quello di altri senatori, scadrà a giugno 2012. Negli ultimi mesi, è circolata con insistenza la notizia del possibile addio dell’olandese a fine stagione, desideroso di concludere la sua carriera nella squadra che l’ha lanciato nel grande calcio, il Psv Eindhoven. 

Ad allontanare quest’ipotesi, sono giunte puntuali le dichiarazioni rilasciate dal suo procuratore Mino Raiola all’Eindhovens Dagblad: “Nel caso in cui il Milan proponesse un nuovo accordo, e pare che sarà così, Mark potrebbe rimanere in Italia. Ma se non ci dovesse essere un accordo o Mark comunicherà la sua intenzione di tornare in Olanda, allora il PSV sarà la sua prima scelta, a prescindere dalla sua partecipazione o meno in Champions League”. Parole chiare e decise, che lasciano la porta spalancata per un eventuale rinnovo del numero 4 rossonero.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato Milan, si punta l'affare dal PSG: le ultime

La palla passa ora nelle mani del Milan, che difficilmente deciderà di privarsi di un giocatore così fondamentale per gli equilibri della squadra rossonera. Quest’anno, infatti, nonostante un inizio a rallentatore e con qualche difficoltà di troppo, Van Bommel sta disputando un’altra grandissima stagione, risultando uno dei migliori in campo persino nella folle notte di Londra contro l’Arsenal. Lottare contro il cuore e la decisione di far ritorno a casa non sarà facile, ma blindare il Generale per un altro anno, alla luce delle sue ultime prestazioni, sarà quanto mai necessario.