Rivera premiato da Platini, Vera Spadini "premiata" da Galliani con un mazzo di rose?

Rivera premiato da Platini, Vera Spadini “premiata” da Galliani con un mazzo di rose?

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Michel Platini ha consegnato il premio del presidente della Uefa a Gianni Rivera, notando che “forse è stato il primo calciatore moderno nell’era mediatica, come Vittorio Adorni fu il primo ciclista moderno. Rivera – ha aggiunto Platini – è come il calcio, una storia infinita. E ora entra nell’esclusivo gruppetto di chi ha onorato il calcio con la loro immensa classe e ha dato più di quanto ricevuto“. “Non ho parole, rischio di rovinare tutto“, ha commentato Rivera dal palco della sala Executive dello stadio Meazza: “Ringrazio tutti i presidenti del Milan e della Federcalcio con cui ho lavorato. Avrei voluto che oggi qua ci fossero tutti i miei compagni di viaggio che hanno lasciato un segno importante nella bacheca del Milan. Purtroppo non è stato possibile raggiungerli tutti, qualcuno non c’é più“.

SU IBRAHIMOVIC E BERLUSCONI – “Ogni tanto Ibrahimovic si latinizza…“. Con una battuta Rivera commenta i comportamenti a volte sopra le righe dell’attaccante svedese, convinto che gli servirà “vincere a livello internazionale” per puntare al Pallone d’oro. “E’ un premio a cui è normale che sia accostato un giocatore come Ibrahimovic – ha notato Rivera – ma per arrivarci deve primeggiare con la propria squadra nelle coppe o con la propria nazionale. Altrimenti si resta in secondo piano“. Con Silvio Berlusconinon ho alcun rapporto. Lui vive a Milano – ha aggiunto Rivera a proposito del patron rossonero –, io a Roma. Qualche volta viene anche lui a Roma. Ma, insomma, vive in un altro ambiente. Non abbiamo rapporti“.

GALLIANI SULL’AFFARE SPADINI – Adriano Galliani vuole chiudere la vicenda legata al diverbio di ieri fra Zlatan Ibrahimovic e una giornalista di Sky dopo la partita con il Lecce. “Vera Spadini e Ibra sono due miei amici – ha spiegato l’ad rossonero a Sky -. Stamattina alle 9.15 mi ha chiamato Ibra. Intanto sono contento perché era già sveglio a quell’ora. Poi perché mi ha detto che era felice per la vittoria di ieri e non capiva perché la prima domanda fosse su una cosa avvenuta prima“. “Le persone vanno accettate per quello che sono – ha aggiunto Galliani -. Il presidente Berlusconi, mio maestro di vita calcistica, mi ha sempre detto che quando incontri una persona concava devi diventare convesso e viceversa. Sarebbe meglio se tutti adottassero questo principio. Comunque questa di Ibrahimovic mi sembra una piccola cosa…“. L’amministratore delegato ha poi spiegato che invierà un mazzo di rose a Vera Spadini: “Corteggio la Spadini da una vita, questa sarà l’occasione per mandarle un bel mazzo di rose“.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy