Sei qui: Home » News » Lesione muscolare per Pato, stop (almeno) di due settimane. Meersseman: “Caso drammatico”

Lesione muscolare per Pato, stop (almeno) di due settimane. Meersseman: “Caso drammatico”

Sabato scorso, al rientro dopo il viaggio in America con Pato, aveva parlato di “mistero risolto”, un clamoroso scivolone dopo quel che è successo martedì sera. Nemmeno il tempo di rientrare e rieccolo a testa bassa e con la solita incredulità della panchina. Ma chi me lo ha fatto fare avrà pensato Jean Pierre Meersseman, coordinatore sanitario rossonero, che stamane a La Gazzetta dello Sport, ha provato ad uscire dall’imbarazzo e dichiarato con preoccupazione: La stagione di Pato è finita, ma quando avrà recuperato saremo esattamente punto e a capo. Mi prendo le mie responsabilità ma non so davvero più a che santo votarmi, il suo problema non è mai stato risolto e non so davvero che fare”.

Curato e visitato da chiunque, dalla Germania all’America, ma senza successo: “Abbiamo provato di tutto – ribadisce Meersseman -, ma non abbiamo risolto niente vista la situazione. Guardando la tv sono stato male per lui, non mi resta che pregare. Ricevo quotidianamente mail con consigli su come allenarlo e curarlo ma la verità è che non so più che pensare. Pato è stato dichiarato guarito 13 volte ma non era vero, in queste tre settimane non si è risolto nulla così come negli ultimi due anni”. Adesso ad Alexandre occorre superare un calvario che purtroppo ben conosce, ma almeno noi cerchiamo di stargli vicino.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato Milan, Maldini piomba sull'obiettivo della Roma per la difesa!

Mentre alle 12.34 è arrivato il COMUNICATO UFFICIALE sulle condizione di Pato, apparso sul sito rossonero e che recita: A.C. Milan comunica che oggi Alexandre Pato si è sottoposto a esame di risonanza magnetica presso l’Istituto Ortopedico “Galeazzi” di Milano. Gli esami hanno evidenziato una lesione muscolare tra il primo e il secondo grado al bicipite femorale della coscia sinistra. Tra 10/15 giorni Pato effettuerà ulteriori controlli medici.