L’Inghilterra vince 3-2: finisce l’Europeo di Ibra

Uno scatenato Olof Mellberg non basta alla Svezia di Zlatan Ibrahimovic per evitare la sconfitta che le costa l’Europeo. Troppa Inghilterra per gli uomini guidati da Hamren. Anzi, troppo Walcott ad essere precisi: l’ingresso del fantasista dell’Arsenal si rivela per Hodgson la chiave di volta della partita. Goal del momentaneo 2-2 e assist per la pregevolissima rete di Welbeck al minuto 78. Colpo di tacco al volo, forse il goal più bello visto sino ad ora all’Europeo.

Ma andiamo con ordine. L’inghilterra va in vantaggio per prima poco dopo il ventesimo grazie a Carroll, abile a sfruttare di testa una disattenzione dei centrali svedesi. Uno di loro, Mellberg, si fa però ampiamente perdonare nella ripresa portando, con un micidiale uno due, la gara prima in parità, poi a favore di Zlatan e compagnia. Finita? Neanche a parlarne: la Svezia, come già detto, doveva ancora far i conti con un Walcott in stato di grazia.

LEGGI ANCHE:  Milan ad un passo dal colpo in attacco: arriva dal Bruges!

Parlando della prova di Ibra, possiamo riassumere il tutto in poche parole: pochissime luci e tante ombre. Spesso defilato dalla manovra d’attacco e in posizione troppo arretrata, Zlatan non ha saputo né rendersi pericoloso in zona goal, né liberare i suoi compagni di reparto per il tiro. Ci si aspettava di più, inutile negarlo.