Cercasi leader

Cercasi leader

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Sono passate poche ore dalla comunicazione ufficiale riferita alla dipartita di uno dei più grandi difensori centrali dell’era moderna. Thiago Silva è un giocatore del PSG. Il Diavolo si è privato di un calciatore meraviglioso e di un uomo dai grandi valori. Nei prossimi giorni si arriverà inoltre alla conclusione della trattativa che porterà a Parigi, anche Zlatan Ibrahimovic, portando insospettabilmente a zero la casella dei top player presenti in rosa. Ora si chiarisce il motivo per cui, nella conferenza stampa di lunedì al raduno di Milanello, l’amministratore delegato rossonero ha evitato di rispondere alla domanda relativa al possibile arrivo di un campionissimo, facendo persino finta di non conoscere l’etimologia dell’espressione top player. Probabilmente aveva già coscienza del fatto che avrebbe perso l’11 e il 33, prima di poter pensare di acquistare un giocatore top.

A questo punto però al Diavolo i conti tornano solo nel bilancio. A seguito di queste cessioni il risanamento delle finanze presenti e future è sostanzialmente assicurato, ma non si può non sottolineare che in poche settimane, per motivazioni differenti, il Milan ha perso personaggi del calibro di Nesta, Gattuso, Zambrotta, Seedorf, Inzaghi, Van Bommel, ai quali si aggiungono ora Thiago&Ibra. Sforzandosi di dimenticare che la scorsa estate ci si è permessi di abbandonare Andrea Pirlo ad una diretta concorrente. Di questo passo sarà difficoltoso metter a disposizione del Mister un numero di giocatori sufficiente a disputare tre competizioni, trascurando peraltro il rapporto quantità/qualità.

Nasce quindi spontanea, affannosa e quasi disperata la ricerca di nuovi leader. Capitan Ambrosini appare di giorno in giorno sempre più solo e unico trait d’union del nuovo progetto, sempre che si possa definire tale. Accanto a lui, rimangono un manipolo di gregari costituito dall’ossatura italiana e milanista, ovvero Abbiati, Bonera, Abate, Antonini e Nocerino. Oltre a loro, Massimiliano Allegri nella giornata di ieri, ha provato ad identificare in Alexandre Pato uno dei possibili trascinatori del nuovo corso, in fondo è in rossonero da cinque anni, caratteristica rara nel Milan attuale.

La voglia del Papero di dimostrare sarà certamente tanta dopo le infinite difficoltà della scorsa stagione, ma caricarlo di responsabilità di questo tipo, potrebbe esser un’arma a doppio taglio per il talento fragile fino ad ora apprezzato. La rifondazione tanto acclamata è arrivata, peccato che sia di epiche proporzioni.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy