San Siro, un tempio vuoto che richiede top player

San Siro, un tempio vuoto che richiede top player

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Il triste pomeriggio di ieri non passerà di certo alla storia per la brillante prestazione dei nostri. Nella memoria dei presenti a San Siro ci sarà il gol di Costa e l’impotenza, quasi surreale, di una squadra privata dei suoi top player. I presenti, appunto. Ma quanti erano dopo una campagna acquisti al risparmio? La conta si è fatto davvero presto a farla: 36.288. Record negativo, ovviamente. E il Milan si consola con i pochi, solo 72 “piccoli indiani”, andati a reclamare il prezzo dell’abbonamento dopo aver saputo della doppia cessione Ibra-Thiago.

In ogni caso, una freddezza, quella di ieri, che mai si era vista negli anni duemila. I numeri che rivela Panorma.it sono agghiacchianti: record negativo di paganti (14.182) e abbonati con incasso inferiore al milione (994.804 euro). Per quanto riguarda gli abbonati nello specifico, un anno fa si era chiuso a quota 31.233. Oggi sono 22.106 (-29,2%). Il record negativo per eccellenza risale al 2009 quando i fedeli indiavolati erano la miseria di 27.865. L’obiettivo, in questo ultimo scorcio di campagna abbonamenti, è mettersi al riparo da quel record senza scriverne uno nuovo. Certo è che i 40 mila dell’epoca ancelottiana o i 70 mila degli anni Ottanta o Novanta rimarrano un sogno.

Ci vorrebbe un miracolo per far tornare i tifosi a San Siro. O forse, spera Galliani, basteranno questi ultimi giorni di mercato. Lo striscione esposto in curva era molto eloquente: “31 agosto, attendiamo fiduciosi”. Basterà Kakà per rianimare i milanisti delusi?

 

[wp_show_posts id="531707"]
Preferenze privacy