Cassano-Pazzini? No! Cassano per Pazzini

Niente soldi in questa edizione italiana del calciomercato 2012-2013 ed allora i club italiani cercano di ovviare aguzzando l’ingegno e la fantasia, come nel caso di Inter e Milan che, mettendo per un attimo da parte la rivalità calcistica, stanno pensando ad un clamoroso scambio di calciomercato. I protagonisti di questo scambio sono Giampaolo Pazzini e Antonio Cassano che, qualora questa operazione di calciomercato appena abbozzata dovesse andare in porto, alla fine si scambierebbero le rispettive casacche.

Si tratta infatti di due giocatori che ormai vivono con difficoltà la loro permanenza nelle rispettive società di appartenenza. ‘Fantantonio’ si dice che abbia perso il sorriso dopo le traumatiche cessioni al PSG di Thiago Silva e di Zlatan Ibrahimovic e che non creda più nelle potenzialità di questo Milan edizione 2012-.2013. Situazione analoga dall’altra parte, sponda Inter, dove Giampaolo Pazzini vive una situazione per molti versi persino peggiore di quella di Cassano al MilanA differenza del talento di Bari Vecchia infatti, ‘Il Pazzo’ è proprio fuori dal progetto Inter e i suoi rapporti con il club nerazzurro sono davvero ai minimi termini.

LEGGI ANCHE:  Ritorno al Milan? La risposta di Berlusconi spiazza tutti

D’altronde non è un mistero che Cassano si sia attivato con tutti i canali a sua disposizione per realizzare il suo grande desiderio di tornare alla Sampdoria in questa sessione di calciomercato, desiderio frustrato a causa dell’intransigenza della società doriana ancora turbata dal comportamento poco educato risalente a qualche anno fa del barese nei confronti del presidente Riccardo Garrone. Il giocatore si sente dunque un po’ prigioniero nel Milan e sente l’impossibilità di poter lottare ai massimo livelli con il club rossonero, destinato, per motivi economici, ad un ridimensionamento nelle ambizioni, almeno nel breve periodo. Potrebbe, quindi, trovare stimolante un’esperienza all’Inter che, magari, gli restituirebbe gli stimoli e l’entusiasmo che sembra avere perduto al Diavolo.