Max e Adriano, doppio incontro nel weekend. Il mister: “Che senso hanno le statistiche sugli infortuni?”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Sulle pagine de La Stampa, Massimiliano Allegri ha preso di petto il tema degli infortuni: “Non ha senso fare statistiche adesso. Sembra che al Milan ogni giorno muoia qualcuno. Ci sarebbe da preoccuparsi se fossero tutti guai muscolari. Invece io ne conto due e mezzo, perché Pato e Robinho hanno avuto due stiramenti importanti ma lo stop di Montolivo è di poco conto. Dopo la sosta Riccardo sarà a disposizione, i brasiliani invece si rivedranno il 23“.

E gli altri infortuni? “Muntari si è bloccato in vacanza, Didac Vilà non si è mai allenato con noi, Strasser si è fatto male al malleolo tibiale e Abate ha avuto una distorsione. Per non incappare in infortuni traumatici c’è un solo rimedio: giocare a dama. La scorsa stagione? Il problema è stato alla fine e lì ho sbagliato non c’è dubbio. Più rischi, più ti fai male ma il gioco valeva la candela: ci giocavamo lo scudetto. Se avessimo vinto nessuno si sarebbe permesso di screditare il nostro lavoro, siamo arrivati secondi e allora distruggiamo i giocatori. Spero che tra i ragazzi non si crei una psicosi. Il rischio c’è, si parla soltanto di noi”.

Intanto, come emerge dall’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, Adriano Galliani e Massimiliano Allegri sabato si sono visti lo stesso. E per due volte nel giro di 48 ore. Il primo briefing è avvenuto venerdì mattina nella sede di via Turati, prima che Galliani partisse per Forte dei Marmi e il tecnico andasse a dirigere l’allenamento a Milanello. Ma non basta. Anche sabato pomeriggio, nella segretezza più assoluta, si sono incontrati in una saletta riservata dell’Hotel Imperiale, nella nota località turistica versiliese.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook