Ancora in ombra: dov’è finito il vero Pato?

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

L’incontro del Barbera, per Alexandre Pato, avrebbe dovuto costituire la gara della svolta. Ci si aspettava che tornasse a timbrare il cartellino e a disorientare le difese avversarie. Invece no. Nulla di tutto questo. Il papero ha deluso di nuovo. Schierato da centravanti, in coppia con El Shaarawy, non è riuscito a imporsi.

In apertura, a tu per tu con Ujkani, non ha colto l’attimo per concludere a rete e ha perso il contatto con la sfera. E con il trascorrere dei minuti, nonostante il Palermo si aprisse e concedesse terreno, non ha inciso. Non ha concretizzato le occasioni di rimessa che gli sono capitate, rinunciando con regolarità alla conclusione, all’affondo e al dribbling, sebbene ci fossero spazi per colpire. E ha dimostrato di non essere migliorato nella difesa della palla e nell’abilità a fare salire la squadra.

A oggi, il ragazzo che brillava per esplosività e immediatezza di coordinazione costituisce un ricordo. Su Pato, spiace affermarlo, non si può più fare affidamento. Che si trovi in infermeria o in campo, non fa differenza, dal momento che gioca senza determinazione e con superficialità. Sta di fatto che deve recuperare le motivazioni, altrimenti, rischia di compromettere la propria permanenza al Milan e la propria carriera.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook