Occhio, Ignazio: questo ’92 non scherza

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo tre stagioni vissute in crescendo, quest’anno Ignazio Abate sta vivendo un momento di stagnazione. L’esperienza azzurra ad Euro 2012 avrebbe potuto restituirci un campioncino fatto e finito, sfortunatamente ci ha restituito un giocatore con qualche acciacco di troppo. I problemi fisici estivi infatti ne hanno inficiato e parecchio, la preparazione atletica. Non in un’annata qualunque, ma nell’annata della ‘definitiva consacrazione’, l’annata con Ambro ultimo senatore, dove Abbiati, Bonera, Yepes, Antonini (forse) e lo stesso Abate avrebbero dovuto prendere le redini dello spogliatoio.

Il numero 20 rossonero non ha accusato il peso delle nuove responsabilità, più volte ha dimostrato lucidità e pacatezza in campo e fuori. Piuttosto ha pagato una condizione fisica poco brillante, in una partenza di campionato per giunta horribilis del Diavolo. E’ sembrato macchinoso in fase offensiva, a tratti poco attento dietro, tanto che una parte della tifoseria ne ha intravisto una pericolosa involuzione tecnico-tattica. A quel punto la silente quanto determinata ascesa del giovane De Sciglio ha mescolato le gerarchie.

Poi invece arriva l’assist decisivo ad El Sharaawy nell’1-0 casalingo essenziale contro il Genoa, la buona prestazione di Palermo e un altro assist, sempre per il Faraone in occasione del momentaneo 4-1 col Chievo. Peraltro con due giocate fotocopia, in entrambe i casi infatti, due cross rasoterra all’altezza del secondo palo di Ignazio hanno permesso a Stephan facili appoggi a porta di fatto vuota. Successivamente l’8 novembre a San Siro col Malaga una lesione muscolare al quadricipite destro ha stoppato la sua crescita.

Prontissimo De Sciglio si è impadronito del ruolo di terzino destro, meritando ampiamente la maglia da titolare. Maglia che Igna probabilmente ritroverà con lo Zenit in Champions, a patto che il suo rendimento possa risultare all’altezza, impresa possibile ma non scontata viste le capacità mostrate da Mattia. La sensazione è che Abate venga considerato comunque un titolare, tuttavia l’alternarsi degli impegni di Coppa e campionato, favoriranno una rotazione tra i due. Sono poche le posizioni in campo che quest’anno possono esser coperte da interpreti competenti, per nostra fortuna almeno quella dell’esterno basso di destra è una di quelle. L’ultima parola sul tema spetta in ogni caso ad Allegri.

Twitter: @fabryvilla84

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook