Prima squadra e Primavera: stesso avversario, stesso risultato, opposte logiche

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Il primo sabato di novembre ha il sapore della notte di Halloween: Milan, dolcetto o scherzetto? Una giornata che ha visto in campo le prime due squadre del club di via Turati che hanno però, con lo stesso avversario, ottenuto due risultati identicamente opposti: vittoria schiacciante per gli uomini di Allegri, sonora sconfitta fra le mura amiche per i ragazzi di Dolcetti. Due partite diverse ma collegate dal risultato contro un Chievo alla portata di entrambe le squadre. Ma la partita andata in scena al “Vismara” ha mostrato tutti i lati negativi di una squadra che deve ancora crescere. Molto e in fretta.

Indigesto, insapore, di traverso: il dolcetto servito dai ragazzi di D’Anna alla Primavera rossonera è di quelli amari da mandar giù. La sconfitta più pesante degli ultimi anni e sicuramente la più sonora della gestione Dolcetti non lascia dubbi: questa squadra per raggiungere i play-off (obbiettivo minimo per non dichiarare fallimentare la stagione) deve ancora lavorare moltissimo, soprattutto in fase difensiva.

Con 18 gol subiti in nove partite (due a partita), la difesa rossonera si piazza davanti solo al Modena, che con 21 reti è la difesa più battuta del giorne B. Un reparto che in assenza di capitan Lora sulla destra fatica a trovare equilibri e automatismi, lasciando intere praterie alle squadre avversarie. E quando dall’altra parte trovi un agguerrito quanto cinico Chievo, il risultato è che perdi 5-1 in casa contro una diretta rivale per le zone alte della classifica.

Come la Prima squadra, la Primavera di Dolcetti è ancora “work in progress”. Come la Prima squadra, bisogna ancora trovare un’identità di gioco. Come la Prima squadra, i continui cambi di modulo a seconda delle esigenze stanno creando non pochi problemi. Come la Prima squadra, la situazione in classifica è critica (15 punti in nove gare, -6 dalla zona play-off). Come la Prima squadra, bisogna uscirne in fretta. Nel minor tempo possibile. Minimo comun denominatore, minima comune speranza: serve costanza.

Twitter: @SBasil_10

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook