Roma: Zemanlandia a gogò, pochi pro e molti contro

Roma: Zemanlandia a gogò, pochi pro e molti contro


PjanicLa Roma, sesta in classifica e protagonista di un inizio di stagione altalenante e al di sotto delle aspettative, sulla carta è una delle compagini più temibili del campionato. Zeman può fare affidamento su un attacco fenomenale, per caratteristiche ed età dei propri interpreti. Se Destro e Osvaldo sono centravanti in grado di imporsi per fisicità, abilità nel fare salire la squadra, trovare la via del gol, impossessarsi delle palle alte e creare varchi per gli inserimenti dei compagni, Pjanic e Lamela si distinguono per rapidità, tecnica di base, qualità con la palla tra i piedi e inclinazione al dribbling; se Francesco Totti sta vivendo una seconda giovinezza e continua a mettere in luce le proprie doti, un Nico Lopez in rete all’esordio con una giocata da antologia del calcio costituisce una promessa. E non finisce qui. La lupa dispone di un centrocampo capace di unire qualità, linfa nuova e quantità. Il giovane Tachtisidis, dall’alto dei suoi 193 cm e 86 kg, è un playmaker di valore: sa prevedere lo sviluppo del gioco e imposta con efficacia e interdice con furore. Al suo fianco, figura il canterano Florenzi, mezz’ala che si mette in luce per doti fisico-atletiche e inclinazione nell’effettuare incursioni nelle aree avversarie. Ad assicurare sicurezza al reparto, c’è Daniele De Rossi, incontrista di valore in possesso di senso del gioco, elevazione e animus pugnandi. Sulla fascia sinistra risiede Federico Balzaretti, capace di alternare con cognizione di causa la fase di spinta e di contenimento.

Filosofia di gioco: Zeman schiera i suoi uomini con un 4-3-3 di stampo del tutto offensivo, che pone l’accento sull’intensità, sull’atleticità, sull’intenzione di fare la partita. Gli attaccanti laterali correranno come forsennati, intervalleranno azioni personali a passanti per la prima punta. Assisteremo con regolarità a sovrapposizioni tra le ali e gli esterni di difesa, incaricati di fungere da centrocampisti di fascia e di prediligere la spinta invece del ripiegamento. Anche i centrocampisti, tramite conclusioni dalla distanza, avanzate e inserimenti, parteciperanno alla manovra offensiva. A più riprese, si sganceranno in contemporanea e tenteranno l’assalto. La difesa starà molto alta, tanto che i centrali si troveranno con costanza nella nostra metà campo.

Lacune: i dogmi di Zeman, che non osa adattare le proprie tattiche alle caratteristiche dei giocatori a sua disposizione, risultano spesso non applicabili. A forza di attaccare, inviando quasi tutti gli uomini nella metà campo avversaria, sul lungo andare la Roma sprecherà presto le energie e si predisporrà ad azioni di rimessa. Alzandosi con puntualità i terzini e i centrocampisti, l’interdizione mancherà, si creerà una marea di varchi e i difensori centrali dovranno fronteggiare gli uno contro uno. Per via degli inserimenti dei mediani, oltre a mancare il filtro e la fase di rottura nel cuore del terreno di gioco, l’area verrà intasata e lo spazio destinato alle azioni delle punte diminuirà. Il tecnico boemo è ancora dell’idea che, per segnare e aggiudicarsi gli incontri, almeno otto undicesimi debbano partecipare alla fase d’offesa. Peccato che, così facendo, la squadra si allunghi e possa essere perforata. Nessuno pensi che Piris sia un esterno sinistro adatto al nostro campionato: non sa, nemmeno in minima parte, applicare la fase di contenimento e non conosce il significato del termine diagonale. Marquinhos, pur distinguendosi per rapidità, non si è ancora adattato al nostro calcio: non si trova nelle condizioni di guidare una difesa priva di protezione, neanche il più esperto Burdisso può essergli d’aiuto. Stendiamo infine un velo pietoso sul discorso portieri. Goicoechea, voluto da Zeman al posto di Stekelemburg, difetta nei fondamentali e può commettere in qualsiasi occasione errori da evitare. Approfittarne.

Come batterli: il Milan dovrà scendere in campo con il 4-3-3 di movimento delle ultime gare, mirato alla compattezza e alla solidità. Bisognerà evitare di pressare alti, ma aspettare gli zemaniani sulla nostra trequarti, per poi aggredire con determinazione e ripartire in velocità. Allegri, per l’adempimento dell’impresa, sarà chiamato a proporre una linea mediana composta da Nocerino, Ambrosini e Montolivo. Gli incontristi avranno il compito di rimanere di tendenza bloccati, per proteggere la difesa, e raddoppiare il portatore di palla avversario per fare in modo che i terzini non soffrano gli uno contro uno delle punte esterne della lupa. Anche al nostro tridente offensivo, sperando che il nostro allenatore accantoni Pazzini, verrà attribuito l’onere di ripiegare. Il tutto per assicurare copertura e fare in modo che le punte, in occasione delle ripartenze, godano di un maggior raggio d’azione e possano esprimersi al meglio. Così giocando, cali di concentrazione e superficialità permettendo, ci troveremo nelle condizioni di portarla a casa.




ULTIME NOTIZIE

Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Direttore editoriale "SpazioMilan.it": Christian Pradelli

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl