Vecchi (conosciuti) errori, nuova (immeritata) sconfitta

Vecchi (conosciuti) errori, nuova (immeritata) sconfitta

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Ultimo turno dei gironi di Champions amaro per il nostro Diavolo, costretto ad arrendersi in casa per 0-1 contro lo Zenit di Luciano Spalletti. Punteggio beffardo quello che il campo decreta per i nostri ragazzi, più volte vicini al goal. Un pareggio, dunque, lo avremmo proprio meritato: per l’impegno corale, per la voglia di arrivarci, per il coraggio.

Fermarsi qui sarebbe però sbagliato per altri motivi: questa sconfitta di misura, infatti, sembra aver riportato a galla tanti fantasmi del passato, tanti problemi che con le ultime tre belle vittorie speravamo fossero quanto meno alleviati. Prendi l’attacco orfano per 80 minuti di Stephan El Shaarawy: volenteroso, certo, ma troppo poco incisivo per metter in difficoltà non certo la difesa migliore d’Europa. Bojan in serata no dopo un avvio promettente, Pazzini sempre più sfiduciato e fuori dal gioco, Robinho schiavo dei suoi dribbling: il quadro è pronto, purtroppo.

Per quanto riguarda il resto, la rete di Danny a fine primo tempo è figlia di un errore di copertura di Acerbi, partito in ritardo. Demonizzarlo in questa serata, però, sarebbe sbagliato: goal a parte l’ex Chievo non sbaglia nulla e anzi riesce a chiudere e proporsi con continuità anche in fase offensiva. Ennesima delusione da Flamini e Mesbah, ormai corpi estranei, e dai terzini, incapaci di proporre qualche cross davvero appetitoso. Tanto, tanto da rivedere, insomma.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy