Ambrosini in procura a Busto: “Ululati razzisti fin da subito”

ambrosini  (spaziomilan)Il capitano del Milan, Massimo Ambrosini è stato chiamato dal pm Mirko Monti per testimoniare sui fatti incresciosi di Pro Patria-Milan. Il centrocampista rossonero è solo uno dei giocatori “convocati” dal pm, nei prossimi giorni verranno sentiti anche Boateng e El Shaarawy.

La testimonianza è durata all’incirca un’ora in cui Ambrosini ha confermato i cori razzisti: Gli ‘ululati’ razzisti  erano cominciati fin dall’inizio di Pro Patria-Milan“. A insultare i giocatori milanisti, secondo il capitano rossonero, sarebbero stati una ventina di persone.

L’indagine continua e risultano indagati per istigazione all’odio razziale sei tifosi della Pro Patria tra i quali anche l’ex assessore leghista di Corbetta, nel milanese, Riccardo Grittini. L’amichevole verrà recuperata, ma la partita dello scorso 3 gennaio rimarrà nella storia, i giocatori rossoneri hanno dato un segnale molto forte che avrà delle conseguenze.

Grazie a questa forte presa di posizione si è mosso anche l’Onu che pochi giorni dopo aveva invitato Boateng come simbolo della lotta contro il razzismo.

Twitter: @LorenzoTurati92

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy