Cade il Capitano e cede uno sfortunato Milan

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Juventus vs MilanSi spegne la speranza Coppa Italia per un Milan che ha giocato 120 minuti alla pari con i campioni d’Italia. Pronti via sono i rossoneri a passare in vantaggio con il gol del solito El Shaarawy che finalizza alla grande un’azione inventata da Boateng e perfezionata da Pazzini. Passa qualche minuto e la carica agonistica degli uomini di Allegri inizia a scemare per far spazio alla risalita della Juve. Al 12′ la punizione di Giovinco fa esplodere lo “Juventus Stadium” e lascia immobile Marco Amelia. Sull’1-1 è più Juve, ma nel secondo tempo il Milan dimostra di potersela giocare comunque.

Ambrosini trova le misure per bloccare ogni tipo di incursione avversaria e aiuta dietro i due poco affiatati Mexes e Acerbi. Finché c’è il Capitano c’è speranza per un Milan coraggioso e sfortunato. Niang e Bojan, mosse di Allegri per dare imprevedibilità davanti, danno qualche grattacampo in più rispetto allo spento Pazzini e all’impalpabile Emanuelson. Proprio l’ex Caen all’87’ sfiora il gol vittoria con un colpo di testa che esce di non molto. Al 90′ però la svolta negativa: fuori Ambro per problemi muscolari e dentro Traorè.

I tempi supplementari Allegri è costretto a giocarseli con Montolivo, stanchissimo, davanti alla difesa e il neo entrato esterno destro di centrocampo. Senza più protezione la fragilissima difesa rossonera crolla al minuto 95: Abate fuori posizione, Mexes non riesce nel miracolo in scivolata e Vucinic infila Amelia per un 2-1 che sarà poi il risultato definitivo. Emozioni nel finale con Niang e Traoré protagonisti. Storari dice no. Passa la Juve, il Milan esce a testa alta e guarda al futuro.

 

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI