Redivivo Boateng: da possibile partente ad intoccabile per Allegri

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Milan Barcellona BoatengAd inizio Gennaio le voci di mercato lo vedevano in partenza: verso dove non era chiaro, ma comunque il suo destino era lontano dall’Italia. Il 2012 non era finito nel migliore dei modi per Kevin Prince Boateng: l’episodio di razzismo a Busto Arsizio a coronare “degnamente” una prima parte di stagione che definire disastrosa sarebbe stato riduttivo. Il ghanese, fino ad inizio anno, era stato una semplice comparsa.

Predestinato a lasciare il Milan nella prima finestra di mercato; estiva o invernale non era importante, l’importante era lasciarlo partire per alleggerirsi di un peso e per permettergli di cercare le giuste motivazioni lontano da Milano

Trequartista, falso nove e falso dieci: Allegri non riusciva a trovare il posto giusto per un nervoso e inconsistente Boateng. Il suo rendimento era nettamente insufficiente: in quattro mesi ha messo a referto solo ammonizioni e espulsioni; in Campionato un solo assist e una sola rete, entrambe contro il Catania a fine Novembre, e in Champions League un assist contro lo Zenit San Pietroburgo. Ad inizio 2013 la svolta. Massimiliano Allegri è sempre rimasto confidente delle potenzialità del ghanese. Nonostante le prestazioni opache, il centrocampista è sempre stato impiegato con una certa regolarità. Le voci che circolavano e la voglia di rivalsa del tenace calciatore hanno invertito la tendenza consentendogli di ritornare una delle pedine insostituibili dello scacchiere di Allegri.

Finalmente negli ultimi due mesi si è rivisto in campo il vero Boateng. Assist e reti ne hanno confermato il suo immenso valore. La grinta e la voglia di dimostrare chi è davvero, gli hanno permesso di riguadagnarsi la fiducia dell’ambiente rossonero e dei tifosi. Da inizio anno ad ora ha inanellato una serie di prestazioni ottime, di alto livello: quattro assist, precisione e finalmente buon calcio; inarrestabile contro Barcellona e Inter. Grazie alle ultime due partite, sono riaffiorati i ricordi dell’anno dello scudetto.  La prestazione contro i catalani è stata impreziosita da una splendida rete, decisiva nella vittoria finale del Milan. I rossoneri non possono fare a meno di un giocatore dell’esperienza di Boateng nel reparto offensivo, un giocatore con una personalità così strabordante da incutere timore agli avversari quando è in campo.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI