Boateng parla ai giovani: “Per arrivare al successo bisogna lavorare duramente. Su El Shaarawy…”

boateng milan-lazio 2 (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

KEVIN PRINCE BOATENG - JAVIER ZANETTIE’ un Kevin Prince Boateng versione saggio quello intervistato da RTV Media Group. Il centrocampista rossonero infatti si è soffermato sulla situaione dei giovani in Italia, volendo dare qualche consiglio al futuro motore del Paese: “Ai giovani posso dire di mantenere i piedi ben saldi per terra e lavorare duramente, – inzia il ghanese –, questa è la chiave del successo. In Germania come in Italia esiste la passione per il calcio ed è forte ma non quanto qui.”

“Fino a tre anni fa ero un giocatore normale, – continua Boateng -, vivevo la mia vita commettendo degli errori e non ero un completo professionista ma poi ho capito cosa volevo, sono cresciuto e ho capito dove potevo veramente arrivare”: parole da leader, parole da top player, parole da numero 10 sulle spalle. Perchè adesso, con i gol che incominciano a ritornare come il sorriso sulle sue labbre e su quelle dei tifosi, tutto è più facile. Anche andare in campo e dimostrare chi è il vero Boateng. Fatto di corsa, muscoli e tanta qualità.

“In questo Paese molte persone lavorano dieci ore al giorno solo per pagarsi il biglietto allo stadio; è una cosa incredibile”, conclude Boateng. E’ in Italia da tre stagione, ma ha già le idee ben chiare.

Twitter: @SBasil_10