CALCIOMERCATO/ Milan: Clasie, altro talento soffiato dalla Fiorentina

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

jordy clasieNegli ambienti di mercato girano spifferi di un possibile nuovo “scippo” che la Fiorentina starebbe perpetrando nei confronti del Milan, in una poco auspicabile rievocazione di ciò che è successo la scorsa stagione con Borja Valero, oggi uno dei migliori centrocampisti del campionato, pagato dai viola solo sette milioni di €, dopo che il Milan lo aveva seguito a lungo durante la militanza al Villareal.

Oggetto del contendere, questa volta, è sempre un centrocampista, ma di nazionalità olandese e classe 1991: Jordy Clasie, autentico “craque” del Feyenoord, che a giugno lo venderà al miglior offerente, che a quanto pare è proprio il club del capoluogo toscano. Pradè sta per piazzare l’ennesimo colpo della sue fulgida carriera da dirigente e la sensazione è che possa ripetersi un “Valero bis”, a cui lo accomuna non solo il ruolo, ma anche la valutazione, che si aggira proprio intorno ai sette milioni di €. Il ds del Feyenoord, qualche giorno fa aveva ammesso l’interesse concreto della società gigliata e nelle ultime ventiquattro ore sono arrivate le parole prima dell’agente di Clasie, Wessel Weezenberg (“E’ vero che la Fiorentina ha chiesto informazioni su Clasie e si tratterebbe una buonissima opzione che al ragazzo piacerebbe sfruttare“), e poi dello stesso 21enne nativo di Haarlem:”Il mio passaggio in viola? In questo momento so quanto voi di questa possibile trattativa, per ora sto bene al Feyenoord, ma nelle prossime settimane ci potrebbero essere novità“.

Le cose, dunque, sembrano quasi fatte e Pradè sta per portare a casa un talento già stabilmente nel giro della Nazionale maggiore degli “Orange“; la speranza del club di Via Turati è che non ci si debba mangiare le mani come accaduto con Borja Valero, per il quale quei sette milioni si dovevano spendere ad occhi chiusi. Ora è andata così, bisogna guardare oltre: di “top young” ce ne sono molti, basta saperli adocchiare e non lasciarseli scappare.