Come on, Green Milan: le Final Eight non sono un miraggio!

primavera liveDopo avere battuto l’Atalanta capolista nell’ultimo turno, la Primavera di Dolcetti si trova al terzo posto in classifica, davanti al Chievo per tre punti e dietro l’Inter di sole due lunghezze. A quattro giornate dal termine della fase a gironi del Campionato, il Green Milan si trova allora in piena lotta per l’entrata nelle Final Eight. Ma per evitare di dovere passare per i playoff, a cui partecipano le terze e le quarte di ogni raggruppamento e le due migliori quinte, bisogna cercare di totalizzare il maggior numero di punti possibile nelle partite residue. E di conseguenza, raggiungere la seconda posizione.

E’ questo l’obiettivo delle leve del futuro, dal momento che il Bologna quinto in classifica dista la bellezza di dieci punti e che le compagini da affrontare da qui all’epilogo della prima parte dell’annata sono alla portata. Eccezion fatta per un’Inter determinata a difendere il secondo piazzamento ma comunque battibile, specie alla luce del successo contro l’Atalanta, incontro in cui i Dolcetti boys hanno dimostrato di potersela giocare con chiunque. Il 3 aprile, al rientro dalla sosta pasquale e tre giorni prima del derby, le promesse rossonere sono chiamate a ospitare un Cittadella in terzultima posizione. Il 13 aprile è l’Udinese, al decimo posto, a fare tappa al Vismara e a cercare di farci perdere punti. L’ultima è invece contro un agguerrito Sassuolo, al momento a pari punti con i friulani ma determinato a vendicare il 6-1 subito in occasione della sfida del primo dicembre.

LEGGI ANCHE:  Ufficiale, lascia il Real Madrid: affare di calciomercato per il Milan!

Insomma, i piccoli diavoli sono chiamati a disputare tra le mura amiche tre delle quattro sfide decisive. Sfide da vincere, scendendo in campo con aggressività e mettendo in circolo continuità di rendimento, per tentare l’approdo immediato nelle Final Eight e potere pensare seriamente di recitare fino in fondo un ruolo da protagonista. Certo, affrontare i Preliminari non rappresenterebbe un dramma. Ma presentarsi nei Quarti di Finale del Campionato di categoria di diritto, senza sostenere due pericolose sfide aggiuntive, garantirebbe un risparmio energetico in vista della volata finale e alzerebbe il morale di un gruppo alla continua ricerca di stabilità.