“Il Barça giocherà la partita della vita!”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

NUDO-E-CRUDELIProsegue l’appuntamento di SM con il cronista dei cronisti, il milanista dei milanisti, Tiziano Crudeli! Potete inviare le vostre domande a Tiziano all’indirizzo q.e.i.m@live.it.

Innanzitutto come valuta la direzione arbitrale di venerdì sera? Non trova che non sempre abbia dato la sensazione di aver in pugno la partita?

Damato di Barletta non ha arbitrato bene, inutile negare l’evidenza. Occorre, però, fare una disamina a tutto tondo: c’era due rigori per loro (o meglio, a mio parere ce n’era solo uno), ma anche tre espulsioni a loro carico. Pensiamo ai falli di Bertolacci su Muntari, all’entrata di Portanova su Pazzini, al dito nell’occhio di Bovo a Constant. L’aribtro è quindi sì da criticare, ma in entrambi i sensi.

Capitolo infortuni: Mexes fuori, speranze per Pazzini. Ritiene un suo recupero plausibile oppure non bisogna sperarci troppo?

Che dire, incrociamo le dita, anche in virtù del suo ottimo momento! Sino ad ora ha segnato 14 goal (13 in campionato e 1 in Coppa Italia): mi auguro di recuperarlo, perchè altrimenti dovremmo giocare con Niang che punta centrale non è. Su Mexes, purtroppo, ho fatto una croce sopra.

In vista della sfida di martedì sulla sponda blaugrana parlano sempre più spesso di un possibile schieramento con quattro attaccanti: pensa sia possibile oppure è pretattica fatta per intimorire e destabilizzare il nostro ambiente?

Loro dovranno fare la partita della vita: devono recuperare due goal e, nonostante siano dati fuori forma, restano temibilissimi. Non bisogna fare l’errore di difendersi bassi come nell’ultima mezz’ora di Genova: bisogna pressare alti i portatori di palla e ricostruire immediatamente l’azione. Dovremo fare una partita simile a quella dell’andata a San Siro, insomma. Questa, ovviamente, è la teoria, poi vedremo la pratica…