Inzaghi sfida suo fratello: “Bello ritrovarlo in panchina, con la Lazio gara difficile. Futuro? Agli Allievi”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Allievi Pippo InzaghiDopo anni di scontri nel rettangolo di gioco, adesso i due fratelli si ritroveranno uno contro l’altro a bordo campo. E’ la storia della famiglia Inzaghi, con Filippo e Simone a capo rispettivamente degli Allievi Nazionali di Milan e Lazio. E sabato, in occasione del Trofeo Beppe Viola – Arco di Trento, si affronteranno in giacca e cravatta a pochi passi di distanza a colpi di indicazioni tattiche e strategie per vincere la gara. “E’ sempre bello, – commenta SuperPippo -, ritrovare il proprio fratello mentre fai quello che ami. Simone per me è il primo avversario”.

“Nessuno scontro tra fratelli? Impossibile – continua il tecnico rossonero in un’intervista a Il Giorno -. Ne passa alla semifinale solo una per girone. E visto che la sfida in famiglia sarà la terza e ultima spero che ci giocheremo tra noi il discorso qualificazione. Noi siamo in crescita e ne sono fiero. Non perdiamo da 12 partite e anche nella gara di oggi (ieri per chi legge, ndr) non abbiamo mai rischiato”: parole di sfida ma anche di rispetto per un fratello prima che un avversario.

“Il mio futuro? La mia priorità è restare al Milan. per ora penso a finire la stagione con gli Allievi, una categoria bellissima”. Come vi avevamo detto, l’anno prossimo l’approdo in Primavera sembra scritto: attenzione ai colpi di scena.

Twitter: @SBasil_10