Paloschi: “Tornare al Milan? Puntano sui giovani, nel calcio mai dire mai…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

paloschiI tanti problemi fisici ne hanno ritardato la crescita, ma parlare di anno chiave per la sua maturazione (nonostante sia ancora molto giovane) non sembra essere così lontano dalla realtà. Alberto Paloschi è coetaneo di Mario Balotelli e come l’eclettico attaccante azzurro ha un sogno: giocare nel Milan.

Ritornare in rossonero? Stanno puntando sui giovani come si è visto con l’investimento su Balotelli. Non tutti i giocatori però sono uguali, ognuno deve seguire la propria strada. Ora -continua Paloschi- ho la mia opportunità di crescere e farmi vedere a Verona. Sulla sua esperienza con la maglia del Chievo (da gennaio detentore della metà del suo cartellino): “Alla prima partita dopo l’infortunio ho fatto subito gol: il rigorista era Hetemaj, mi lasciò la palla e feci subito gol. Poi siamo andati a Genova, contro la mia ex squadra, e in quella partita feci la mia prima tripletta“.

Tornando, infine, su Parma e gli infortuni“A Parma ho lasciato ricordi bellissimi, anche se in Serie B eravamo partiti un po’ in difficoltà; poi arrivò Guidolin a dare una grossa mano, imponendo gioco e raccogliendo risultati. Ho segnato 12 gol e ho dato una mano alla squadra per tornare in Serie A. Arrivati in A, ho iniziato ad avere i primi problemi muscolari. In questo senso mi ha dato una grossa mano Inzaghi, che mi ha suggerito una persona per curarmi”.