Platini: “Il Milan che batte il Barcellona è il bello del calcio. Berlusconi e Moratti uniti per ridurre i costi”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Globe Soccer Awards 2012A Nyon in Svizzera prende parola Michel Platini, l’attuale Presidente della Uefa prima lascia spazio ad un futuro lontano dalla sua prestigiosissima carica (“Domani, tra un mese o un anno: sono curioso anch’io. Potrei anche smettere o restare all’Uefa”) poi affronta altri temi importanti come quello legato al razzismo e agli investimenti milionari delle squadre di calcio.

Sugli incidenti che ancora troppo spesso accadano sugli spalti e fuori dallo stadio: “I mille stupidi che hanno fischiato Boateng mica erano lì per la partita? Potrei impedire alcune trasferte, per esempio. Ma posso controllare i turisti? E se si rivolgono ai bagarini? Mi spiace, preferisco accusare la sicurezza pubblica”. Ancora su Boateng: “Ha fatto bene a lasciare il campo. Benissimo. Però era un’amichevole. Fosse un torneo Uefa sarebbe giusto parlarne con l’arbitro e chiedere la sospensione. Loro hanno gli strumenti, devono usarli in casi così”.

Su Barcellona-Milan: “Non è facile recuperare il 2-0, neanche per il Barça. È il bello del calcio: vendi Ibra e Silva, non puoi schierare Balotelli, e fai 2-0 al Barcellona. Sei il Chelsea e perdi in Europa League con la Steaua. Sei il Manchester e prendi due gol in 10’: non basta essere in 10 per giustificarlo. La mia Juve, l’Ajax, il Bayern facevano tre finali di fila, ora ogni anno si cambia: niente come la Champions”.

Infine un commento sugli investimenti, poco in linea con il fair play finanziario, del PSG: “Non so se il Psg sia un problema. Quel che conta è che il sistema c’è, le sanzioni anche, e non si guarda in faccia a nessuno. I club lo sanno e hanno detto ‘sì’. Noi avevamo un mandato morale. Quante volte devo ripetere che Moratti, Berlusconi e tanti altri mi pregavano di intervenire e ridurre ‘perché noi non possiamo farlo‘.