Primavera, tre punti d’oro e un terzo posto tendente al secondo: tra 15 giorni la sfida con l’Inter

milan ata
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

milan ata 2Il Milan vola, sulle ali dei soliti Petagna&Ganz, conquistando un terzo posto “che sa di secondo”, perché tra due settimane c’è lo scontro con i cugini nerazzurri, e quando il Milan gioca da Milan, non ce n’è per nessuno. Anche la capolista, quest’oggi, al Vismara, ha dovuto capitolare: dopo una gara di alti e bassi tra le due squadre, infatti, ha vinto chi ha sbagliato di meno e ci ha sperato di più. 

Questione anche di motivazioni, perché l’Atalanta ha un piede e tre quarti alle Final Eight, il Milan invece una storia ancora tutta da scrivere. Per questo, dopo appena dieci minuti di gioco, con gli ospiti partiti all’arrembaggio, è stato Ganz a sbloccare il risultato. La fame, il bisogno di vittoria, è una specie di dodicesimo uomo in campo.

Al 44′ però, Cais pareggio il conto su un rigore (dubbio), spiazzando Gabriel che non può nulla. Nella ripresa, arbitro ancora protagonista, quando al 50′ annulla una rete all’Atalanta per presunto fuorigioco di Palma. Lo spavento preso e le urla di Dolcetti danno uno scossone al Milan, che si sveglia dopo un inizio in letargo e al 63′ scavalca gli avversari con Petagna, servito ancora una volta da Cristante.

Nel finale, che più finale quasi non si può, l’ultimo brivido: siamo all’87’, Lucarini entra in maniera scomposta su Varano, l’arbitro assegna il secondo penalty all’Atalanta. Dal dischetto, parte Palma a botta sicura, ma Gabriel, con una parata da cineteca, si oppone al pareggio e salva il risultato, proprio allo scadere della gara.

Il Milan conquista tre punti d’oro, rafforza il terzo posto e mette pressione all’Inter per il secondo. Le Final Eight, oggi, sembrano un pò più vicine, ma è ancora tutto da decidere.