Berlusconi-Letta, quando le larghe intese sono prima di tutto rossonere