Bonera, ruggine e testa altrove: Milanello è sempre più lontano