Casagrande (ex Torino): “Mi obbligavano a fare iniezioni, ecco cosa combinavo in una sola sera…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

casagrande 2E’ stato uno dei protagonisti del calcio italiano tra la fine degli Anni Ottanta e l’inizio degli Anni Novanta. Walter Casagrande Junior, classe 1963, ha giocato nell’Ascoli e nel Torino, portando i granata di Emiliano Mondonico in finale di Coppa Uefa nel 1992, persa poi contro l’Ajax.

Nella sua autobiografia “Casagrande e i suoi demoni” emergono alcuni particolari: “Mi sono fatto di tutto. Cocaina, eroina, canne, tequila, doping“. Con riferimento alla sua prima esperienza al Corinthians: “A quei tempi, però, ci andavo ancora piano: solo qualche canna e qualche preparato di cocaina“. Per poi poi ricominciare nel 1997, una volta chiusa la carriera: “Mi sentivo tremendamente vuoto e cercavo rifugio nella droga. In una sola sera ero capace di sniffare 3 grammi di cocaina e poi iniettarmi una dose di eroina, fumarmi una canna e bermi una bottiglia di tequila. Per vent’anni ho giocato alla roulette russa, copiando quella spinta all’autodistruzione che vedevo nei miei miti del rock, da Jim Morrison a Janis Joplin e Jimi Hendrix”.

Capitolo doping: “Ci obbligavano a fare dell’iniezioni intramuscolo e il risultato era sbalorditivo”. Tuttavia manca il riferimento alla squadra e al campionato in cui avvenivano queste pratiche. Resta il dubbio…