Formula 50×400: la chiave per un piazzamento d’onore che ora non è più utopia

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter
F. Villa - Collaboratore SpazioMilan.it
F. Villa – Collaboratore SpazioMilan.it

Nelle ultime 22 giornate di campionato il Diavolo ha collezionato 50 punti. Zero gol subiti negli ultimi quattro incontri e quasi 400 minuti di imbattibilità per Christian Abbiati. I numeri non spiegano tutto, ma nel caso specifico danno la giusta dimensione alla crescita della squadra. Una volta centrato il modulo di riferimento per il nuovo corso rossonero, il collettivo ha acquisito sicurezza di partita in partita, malgrado non sia mai stato individuato un undici di titolarissimi. Il costante turnover applicato da Massimiliano Allegri infatti, rappresenta uno dei principali segni distintivi di questo anno zero.

Se escludiamo Balotelli, El Shaarawy e Montolivo, il resto dei giocatori di movimento varia con una certa costanza. Terzini, centrali difensivi, e relativi partner di centrocampo e attacco dei magnifici tre, cambiano con regolarità. Ad inizio stagione le scelte camaleontiche del Mister lasciavano qualche perlplessità. Tuttavia questa particolare gestione della rosa ha contribuito ad avere oggi un Milan fisicamente sempre all’altezza e con una discreta capacità di adattamento dei singoli in funzione del ruolo.

Aver costruito una solidità difensiva, è stata la grande vittoria dello staff tecnico. La rimonta non avrebbe avuto ragione d’esistere senza questo fattore. Al momento i rossoneri hanno la terza miglior difesa del campionato, non a caso proprio dietro a Juve e Napoli. Un risultato parziale che ha dell’incredibile se pensiamo alle primissime giornate. Le straordinarie doti realizzative degli attaccanti hanno infine agevolato l’inattesa precoce evoluzione.

In venti giorni giocheremo tre scontri diretti. Questi ultimi rappresentano una sorta di ‘mostro finale’ per la definitiva consacrazione di questo nascente Milan. Domenica c’è la Viola e per quanto possa apparire banale, è un’assoluta necessità ragionare step by step.

Twitter: @fabryvilla84