Il borsino diffidati sorride al Napoli, Balo fuorigioco in un big match proprio come…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

MilanNapoliErano ben 16 gli uomini a rischio squalifica tra le fila di Milan e Napoli in vista della super sfida di domenica sera a San Siro che vale un pezzo di secondo posto. Tra questi si contavano 7 rossoneri (Balotelli, Boateng, De Jong, Zapata, El Shaarawy, Yepes, Zaccardo) e 9 azzurri (De Sanctis, Gamberini, Armero, Zuniga, Behrami, Inler, Pandev, Insigne e Calaiò). Sul banco dei cattivi però c’è solo un nome ed è quello di Mario Balotelli, ammonito ieri durante la gara di Firenze al minuto 72 e che quindi sarà giocoforza fermato dal giudice sportivo per un turno da scontare proprio contro i partenopei.

Una bella grana questa per Allegri che ha rischiato di perdere anche El Shaarawy (che gioca ormai da diverse giornate con il peso della diffida), Zapata e Boateng. Al San Paolo, contro il Genoa, Mazzarri ha tremato in modo particolare per il portiere De Sanctis, Pandev, autore tra l’altro dell’1-0, Behrami, Inler (tenuto a riposo fino al 78′), Zuniga e Armero. A Napoli però possono sorridere: la squadra, oltra al +4 in classifica, sarà al completo.

A proposito di squalifiche illustri. L’anno scorso, proprio contro il Napoli, Zlatan Ibrahimovic lasciò anzitempo i suoi a causa di un “buffetto” rifilato a Salvatore Aronica, reo a sua volta di aver colpito Nocerino. L’episodio fece molto scalpore non tanto per la condotta poco sportiva dello svedese, quanto invece per i turni di squalifica rifilati allo stesso: ben 3 e addio big match (decisivo per la lotta allo scudetto) con la Juventus. A nulla valse il ricorso rossonero e Ibra, tanto quanto l’erede con il numero 45, dovette assistere impotente alla gara. Un’analogia di cui questa volta avremmo fatto volentieri a meno.