L’esplosione del Settore Giovanile: un’escalation frutto di lavoro e programmazione

pato vismara
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Settore giovanileLe vittorie, in Prima Squadra come nelle squadre giovanile, non sono mai per caso. E quando una squadra come il Milan arriva a portare ben tre delle più importanti categorie giovanili alle fasi finali dei rispettivi campionati, significa che qualcosa all’interno del club è veramente cambiato. Una filosofia, uno stile di lavoro, una programmazione affidabile e rigorosa da rispettare nei minimi particolari: l’esplosione di successi del Settore Giovanile rossonero è questo e molto altro.

La news mandata in primo piano per tutta la giornata di ieri sul sito del club di via Turati recitava: “Un giovanissimo Milan ai vertici – Primavera alle Final Eight, Allievi e Giovanissimi Nazionali vicinissimi alla conferma fra le prime 8 d’Italia. Insomma, è il momento per scattare una istantanea del Settore Giovanile del Milan che si riscopre ai vertici nazionali”. Un messaggio chiaro ed inequivocabile a tutti: il Milan è tornato, dopo anni di assenteismo e sprechi, a puntare fortissimo sul Settore Giovanile. E in questo senso, De Sciglio impegnato con continuità in Prima Squadra e gli esordi dei vari Ganz, Petagna e Cristante sono solo la prova di quanto appena detto. Da adesso si incomincia a fare sul serio.

Le 10 squadre del Settore Giovanile, con quasi 250 ragazzi che indossano la maglia rossonera e circa un addetto a testa per seguirne sviluppo e crescita sono il segno del cambiamento. E se voci di corridoio a Milanello parlando di un approdo, dall’anno prossimo, di un gioiellino classe ’95 come Bryan Cristante in Prima Squadra, un motivo ci sarà. Preparatevi a gustarvelo.

(Fonte e foto: AcMilan.com)

Twitter: @SBasil_10