Propositivo e con personalità: a Torino riecco il vero Constant