Ritardi e discussioni in famiglia, la panchina di El Shaarawy ha radici lontane e più profonde