Un Boa in ripresa: un fuoco di paglia o il preludio ad un gran finale di stagione?

boateng milan-catania (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

boateng juve-milan (spaziomilan)Contro il Catania, abbiamo assistito a un Boateng in ripresa. Schierato sulla fascia destra, Kevin Prince ha sfornato una prestazione all’altezza della situazione. Ripiegamenti effettuati con efficacia, affondi e inserimenti contraddistinti da veemenza, occasioni da gol create e grinta a volontà. Sempre nel vivo del gioco, soprattutto nel primo tempo, il Boa ha guidato l’assalto rossonero. I tentativi più pericolosi per trovare il pareggio sono arrivati proprio dal nostro numero 10, fermato soltanto da un Frison momentaneamente in stato di grazia e dalla traversa.

Di Boateng è stata inoltre la sponda che ha permesso a Flamini di trovare il gol dell’uno a uno. Anche nella ripresa, pur essendo un po’ calato, KPB ha detto la sua. E si è imposto. Ha stretto i denti fino alla fine, lottando con furore e contribuendo alla conquista dei tre punti. Ha blindato la fascia destra e ha assicurato inventiva alla fase offensiva. Bene così. Dopo una stagione contraddistinta da discontinuità di rendimento, con punti di minimo toccati nel corso del girone d’andata del campionato, Kevin sembra avere ritrovato la retta via. Perché anche allo Juventus Stadium, sebbene abbia ricoperto una posizione a lui non congeniale, l’elemento in questione si era ben destreggiato.

Che questi due indizi rappresentino allora una prova? Una prova secondo cui Boateng abbia deciso di rimettersi in discussione e di contribuire appieno alla causa rossonera? La stagione è tutt’altro che conclusa. Ci sono quattro partite da vincere per mantenere il terzo posto e accedere al playoff di Champions League. Per l’adempimento dell’impresa, serve anche l’apporto di Prince. Che con la sua imprevedibilità e la sua esplosività, in questi ultimi scontri, può rappresentare l’arma in più del Milan.